Cosa Fare nei 5 Minuti dopo l'Incidente di un Bambino: Tutti i Numeri Utili

lunedì 15 maggio 2017, 05:00
Cosa Fare nei 5 Minuti dopo l'Incidente di un Bambino: Tutti i Numeri Utili

Chi ha bambini in casa sa quanto può essere fatale un attimo di distrazione: ferite, ustioni, abrasioni, fratture, avvelenamenti sono dietro l'angolo e purtroppo, spesso a nulla valgono le precauzioni.

Nel momento in cui capita un incidentein casa o fuori, i minuti successivi possono essere cruciali.

Sappiamo tutti come comportarci in caso di emergenza?

Un numero speciale di "A scuola di salute", magazine realizzato dall'Istituto per la Salute del Bambino e dell'Adolescente (IBG) dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù è stato dedicato proprio a questo tema: se pensiamo che ben il 75% degli accessi in pronto soccorso nel 2016, sono rappresentati proprio da lussazione, contusioni, fratture, insomma incidenti le cui vittime sono bambini, diventa assolutamente necessario fare informazione su come comportarsi.

Tutto quello che possiamo fare, non certo per risolvere il problema, ma quantomeno per non aggravare la situazione non si riduce nei primi 5 minuti successivi all'incidente, ma in questo periodo, ma possiamo comunque intervenire in maniera tempestiva ed adeguata alla situazione.

Vediamo cosa fare o non fare a seconda dell'incidente che può capitare ad un bambino.

AVVELENAMENTO

Inutile dire che nei casi di avvelenamenti diventa fondamentale la prevenzione: lasciare tutte le sostanze tossiche in punti assolutamente non raggiungibili e neanche visibili dai bambini. 

Se poi l'incidente accade, bisogna contattare immediatamente il Centro antiveleni ed indicare la sostanza tossica che il bambino ha ingerito. In ogni caso, bisogna portare il bambino al pronto soccorso o chiamare il 118.

Questo è l'elenco con i numeri di telefono dei Centri Antiveleno delle principali città italiane:

Centri Antiveleni per il Lazio
Dipartimento Emergenza e Accettazione e A.R.C.O
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

Tel. (+39) 06.6859.3726

Tossicologia d'Urgenza e Centro Antiveleni
Università di Roma Sapienza

Tel (+39) 06 49978000

Centro antiveleni del Policlinico Universitario Agostino Gemelli

Tel: (+39) 06 3054343

Centro Antiveleni di Pavia
Centro Nazionale di Informazione Tossicologica

Tel: (+39) 0382 24444

Centro Antiveleni di Milano
Ospedale Niguarda Cà Grande
Tel: (+39) 02 66101029
Disponibilità h24


Centro Antiveleni di Bergamo
Ospedali Riuniti di Bergamo

Numero verde 800 883300


Unità operativa di Tossicologia di Firenze
A.S.L. 10 / Università degli studi

Tel: 055-7947819


Centro Antiveleni di Napoli
Azienda ospedaliera di rilievo nazionale A. Cardarelli

Tel: 081-7472870 081-5453333
Disponibilità h24


Centro Antiveleni di Foggia
Università degli studi – Azienda ospedaliero universitaria

Tel: 0881-732326

FERITE

Pulire subito la ferita e disinfettare, coprire e comprimere con garze sterili o tessuti puliti per bloccare la fuoriuscita del sangue.

TRAUMI

Non muovere assolutamente gli arti o la parte dolorante, applicare ghiaccio e portare subito il bambino in pronto soccorso.

TRAUMA CRANICO

Se le condizioni appaiono gravi o il bamino non è cosciente, non muoverlo, chiamare subito i soccorsi.  Portarlo in pronto soccorso se si verificano amnesia, difficoltà a parlare, disturbi dell'equilibrio, nausea o vomito.

INGESTIONE DI CORPI ESTRANEI

Si pensa che la prima cosa da fare in questi casi sia indurre il vomito, ebbene non è così. Non cercare neanche di estrarre il corpo con pacche dorsali, perchè si rischia di far finire il corpo nelle vie respiratorie.

USTIONI

Non bisogna mai cercare di rimuovere i vestiti appiccicati alla pelle, raffreddare la parte con acqua corrente per almeno 20 minuti

''Un adeguato e tempestivo soccorso nei primi minuti dall'incidente può modificare l'aspettativa della qualità di vita del bambino, evitando esisti neurologici'' sottolinea il dottor Antonino Reale, responsabile di Pediatria dell'Emergenza del Bambino Gesù. ''E' prioritario conoscere le più frequenti cause di incidente, specie in ambito domestico, per mettere in atto tutti i possibili sistemi di prevenzione: dalla vigilanza costante al rendere irraggiungibili i prodotti tossici o all'imparare le manovre di disostruzione''. 

Carlo Tassi

Compass è una società poco seria in quanto non...

mercoledì 28 novembre 2012, 09:47
Stefano

Si doveva fare una provincia unica, come in...

giovedì 22 novembre 2012, 09:19
aldo

non vi meritano

mercoledì 21 novembre 2012, 11:56
Gaetano La Cioppa

La Provincia di Chieti "merita" e ha tutti i...

domenica 18 novembre 2012, 19:18
La strina

Meno male che il comunicato è del "Circolo...

giovedì 15 novembre 2012, 16:39
Imparziale

Ma perché in questo dannato paese tutti hanno...

giovedì 15 novembre 2012, 15:37
Ultima scossa:
  • Zona: Bacino_di_Sulmona
  • data: 2015/05/29
  • ora: 22:32:12
  • Magnitudo: 2.3
  • lat: 41.8567
  • lon: 14.0917
  • prof: 8.2 Km.
Dettaglio »
Iscriviti alla newsletter