Nuova puntata di ''Storie'': la festa di San Juan in Venezuela

26 Febbraio 2009   14:30  

La Festa de San Juan ( San Giovanni) Il 24 giugno è il giorno più lungo dell'anno, dopo il solstizio d'estate. In questo giorno in alcuni stati centrali del Venezuela, Aragua, Miranda, Vargas e una parte dello stato Carabobo,si celebra una festa che raccoglie moltissimi devoti, e’ la festa di San Juan Bautista, una vecchia tradizione in cui si svolgono eventi culturali e riti religiosi.

Sono le ore vicino alla mezzanotte, l'alba e la notte della celebrazione lo scenario di un rito originariamente pagano che affonda le sue radici millenarie nella storia dell’ uomo e delle sue paure.

Il rito infatti vuole propiziare il ritorno del sole che da questo giorno sino al 21 di dicembre( solstizio d’inverno) illuminera’ sempre meno la terra, ringraziandolo nello stesso tempo per i raccolti, riserve alimentari indispensabili per passare il lungo inverno alle porte.

Lo scenario, è la piazza di Ocumare de la Costa, cittadina Venezuelana dello stato Aragua, qui si celebra la festa del “San Juan” che vi racconteremo.

Questa piazza diventera’ il centro di tutta la festa, e’ qui che iniziera’e terminera’ il rito che tra magia e religiosita’ ci fara’ conoscere aspetti di una cultura apparentemente lontana ma che a ben considerare si rivelera’ a noi molto vicina.

Se le radici pagane del culto si mescolano con gli eventi della natura, diversamente il cristianesimo celebra in questo giorno la nascita dell’unico Santo di cui insieme al Bambino Gesù si festeggia la nascita.

Ma a queste latitudini dove per tutto l’anno il giorno ha la stessa durata della notte la festa coincide curiosamente anche con l’inizio della stagione delle piogge.

La notte del 23 trascorre accompagnata dal ritmo dei tamburi e dal rum, con i fedeli, riuniti per la veglia al Santo, ai piedi dell’ altare.

Il 24 mattina, molto presto il Santo e’ gia’ pronto per uscire dalla casa di chi lo ha custodito per un anno intero.

Ed sopra la sua testa o sulle sue braccia che affronta il viaggio che lo portera’, accompagnato dai fedeli, a ricevere gli onori di una messa solenne che una volta conclusa segna ancora una volta l’inizio dei balli e del ritmo dei tamburi.

Una processione percorre tutto il paese ed il Santo riceve doni, gratitudine e ringraziamenti, di volta in volta si ferma e rende omaggio con canti sempre piu’ vigorosi a San Juan.

Si balla in ogni fermata e le danze sempre piu’ frenetiche coinvolgono uomini e donne in ritmi erotici e provocatori.

Tutti muovono panni colorati che agitano per tutto il cammino, questa processione di gente si dirige verso la casa da cui e’ uscito il Santo, qui si radunano tutti, la festa continua tra il crepitio dei fuochi artificiali, con balli e grandi bevute di rum.

Coinvolge tutti i pescatori della zona la popolare processione marittima che vede i vari San Juanes, rappresentati dalle congregazioni di tutti i paesini della costa araguense, incontrarsi nel porto di Ocumare de la Costa.

Qui accompagnati dal ritmo scatenato dei tamburi e dai canti dei devoti i San Juan ballano portati di volta in volta sulla testa dei fedeli.

I tamburi come i canti ed i ritmi frenetici sono la colonna sonora che accompagna questa festa che esprime con ritualita’ magica la devozione al Santo, le parole cambiano e quasi sempre sono improvvisate, evocano la vita ,la speranza, l’amore.

In questa notte magica, dove tutto e’ possibile, anche il regno dei morti apre le sue porte, la processione infatti si ferma davanti al cimitero, qui i canti e le orazioni coinvolgono tutti in una sorta di transfert collettivo consentendo ai vivi in questa “unica occasione”di comunicare con i morti.

Le magie di questa notte non hanno fine, e’diffusa la credenza, per esempio che tagliarsi i capelli in questa sera sia di buon auspicio, o ancora, che si possa prevedere il futuro mettendo un uovo in un bicchiere d’acqua per poi osservarne la mattina seguente la forma assunta.

In Venezuela le feste di San Juan sono famose, sono notti di balli, tamburi e ritmi, il Santo resta padrone dello spazio, dei suoi fedeli e dell’anima della festa.

Gianfranco Di Giacomantonio Maracay-Venezuela


Oroscopo del Giorno powered by oroscopoore