Giuliani sulla profezia di Bendandi: possibile sisma nel Lazio

''Pronti a monitorare il radon''

mercoledì 19 gennaio 2011, 13:05
VIDEO PER TELEFONINI
Per visualizzare il video
è necessario Macromedia Flash Player
per istallarlo clicca qui

Il ricercatore aquilano studioso dei terremoti Giampaolo Giuliani nel suo nuovo libro ''La forza della memoria'', oltre a durissimi attacchi alla Commissione grandi Rischi, ad Enzo Boschi, alla Protezione Civile, dedica ampio spazio a Raffaele Bendandi, lo studioso di terremoti, morto nel 1979 e che avrebbe previsto numerosi terremoti, con tanto di previo deposito presso un notaio della previsione messa nero su bianco. O con la prova di comunicazioni ufficiali spesso inascoltate.

Una teoria previsionale la sua fondata sull'attrazione gravitazionale in particolare l'allienamento dei pianeti che causerebbe la deformazione della crosta terrestre e dunque lo strofinamento delle faglie.

A Bendandi è dedicato un intero capitolo del libro, avendo avuto Giuliani la possibilità di studiare una parte del carteggio di Bendandi e i suoi grafici originali, salvati dalle fiamme

E c'è come noto una sua previsione che desta crescente allarme: quella relativa ad un evento sismico significativo nel territorio laziale in data 11 maggio 2011.

Nella nostra intervista in esclusiva Giampaolo Giuliani, ritiene affidabile la teoria e la capacità previsionale di Bendandi, e dunque consiglia di non sottovalutare la previsione relativa all'imminente terremoto in Lazio. Nel libro Giuliani scrive che il limite della teoria di Bendandi era nella mancata determinazione dell'epicentro, con margini di errore anche di svariati chilometri. Ma sul ''quando'' Bendandi era di un'incredibile precisione. Bendandi, ricorda Giuliani, aveva previsto il terremoto del 1915 della Marsica, il terremoto del 1924 nelle Marche quello del Friuli del 1976, quello recentissimo ad Haiti. Previsioni tutte documentabili. Altre previsioni però si dimostrarono errate. Ma su questo tema torneremo in un un prossimo articolo di approfondimento.

Comunque garantisce Giuliani e non bisogna sottovalutare il rischio. E annuncia: ''Nei prossimi mesi anche noi intensificheremo l'attenzione sul territorio laziale in quanto i nostri rilevatori sono ingrato di monitorare anche a quelle distanze il rilascio di radon per poter avvisare con 6- 12 ore di anticipo sulla possibilità di eventi sismici.''. Denunce per procurato allarme permettendo.

i vostri commenti
gianluigi martedì 05 giugno 2012, 13:40

a distanza di tempo posso anche dire che era una bufala, ma non sottovalutare forse potrebbe essere parte della soluzione per tali eventi. intanto do ragione a chi ha gia' detto che ad alcuni ricercatori non si da modo esprimere le propie teorie e verificarle facendo di necessita' virtu' i nostri signori potenti ci raccontano cio' che vogliono. e' undato di fatto e vale per qualsiasi argomento si tratti .se a qualcuno venisse in mente di porsi il dubbio che magari anche solo in parte possa esser possibile prevedere tali eventi si potrebbe anche dar inizio a una vera campagna per la messa in sicurezza di abitazioni edifici e via dicendo ma come sempre in italia esiste solon la male informazione che ci viene inculcata purtroppo fondi e interessi vengono spostati su cose futili a me sinceramente la costruzione di un palazzetto dello sport per ospitare le olimpiadi a roma sono soldi buttati. magari usarli per la ricerca in generale , usandoli stanziando fondi per permettere a chi vive di stipendio di poter mettere in sicurezza la propia abitazione potrebbe essere un altro piccolo passo per far fronte a certe situazioni che ci sono e ci saranno sempre ma questo non accadra' mai quindi non resta che augurarci buona fortunae speriamo bene

anonimoaquilano lunedì 03 ottobre 2011, 10:15

X FRANCESCO...sicuramente.......ancora co ste storie????L'etna che cambia ahahahhaha ,a perchè un vulcano NON CAMBIA????????????????????Che cavolo di affermazione è?????????!!!DAI SU!!!

francesco sabato 01 ottobre 2011, 10:01

da sempre,nella storia,i profeti di verita' vengono derisi,ma il tempo da' loro ragione. i potenti acquietano le masse dicendo cose convenienti,ma non sempre aderenti a quel che e' invero.una cosa e' certa:l'etna sta cambiando,e questo non e' un buon segnale.tuttavia nessuno puo' dire l'ora e il giorno di un disastro,ma neanche uscirsene con l'accomodante''speriamo non accada nulla''

anonimoaquilano venerdì 10 giugno 2011, 11:56

X BEFFO......MA TU SCI PROPRIO NU COGLIò!!!!MA VATTE A FA NU GIRO VA!!!!!!CHE TE DICE SA COCCIA!!!!!!!!!!!!!

Andrea lunedì 16 maggio 2011, 14:51

Citazione:" Se c'è anche solo una previsione su cento che non si verifica, allora la teoria va ripresa e rivista: una teoria corretta vede verificarsi tutte le previsioni che fa." Risposta: Allora i TG potrebbero anche smettere di fornire le previsioni meteo, visto che molto spesso sbagliano. Citazione:" Nelle scienze solitamente funziona così: quando qualcuno formula una teoria scientifica, deve essere in grado di dimostrare la sua consistenza." Risposta: visto che lo hanno trattato come un ciarlatano non ha mai avuto l' opportunità di dimostrare le sue teorie.

pippo giovedì 12 maggio 2011, 19:51

Adesso lo stesso ha spostato la data al 10 giugno per un non ben precisato evento sismico di grandi dimensioni. La sismologia è una cosa troppo seria per lasciarla in mano a ciarlatani. Nessun sismologo degno di questo nome può oggi come oggi prevedere un terremoto.

cesaretto giovedì 12 maggio 2011, 09:24

ma quale terremoto !!! che paese di ignoranti che siamo ... a volte mi vergogno di essere romano..... il 20% dei miei concittadini ha sconfinato chissa' dove per paura !!! paura di che ? possibile che nel 2011 ancora crediamo a certe cretinate ????? terremoto catastrofico ? ma se Roma ha la prova che

andrea giovedì 12 maggio 2011, 08:03

visto che poi il terremoto c'

emanuela martedì 10 maggio 2011, 16:49

Non ci credo ma ho paura! queste le parole dei romani,ci vuole poco con internet oggi a creare una psicosi di massa,però sai che c'è che come per giuliani e l'aquila ....nel dubbio .....

BEFFO martedì 10 maggio 2011, 16:05

dio come odio il dialetto aquilano aquilano

elena lunedì 09 maggio 2011, 13:41

sono una geologa,naturalmente nulla può essere escluso a priori,ma questa ipotesi del fenomeno mega catastrofico fa acqua da tutte le parti,l'intervallo di tempo non è ben definito e neanche il luogo..come dire che si,ci sarà un terremoto catastrofico forse a roma o forse vicino a roma o forse nei dintorni..ovvero a km di distanza..insomma la certezza dov'è? io non ne vedo e poi la mappatura sismica dell'italia parla chiaro..

nostradamuss martedì 03 maggio 2011, 19:20

ma andate affffancul lo!! buffoni!!! io prevedo un terremoto per il 30 settembre 2087

11 maggio sabato 30 aprile 2011, 17:50

Sono certo che si verificherà il terremoto, sarà avvertito a Roma ma le zona più colpita sarà verso il Circeo

magda domenica 10 aprile 2011, 07:18

non sottovalutate l'ipotesi di un probabbile terremoto! e se avesseo ragione? poi direte allora non è falso!

PINO venerdì 01 aprile 2011, 00:56

ROBA DA CHIODI.... UN SOGGETTO CHE NON SOLO NON HA PREVISTO NULLA COME GIULIANI MA SI VANTA DI AVERLO FATTO E UN ALTRO MORTO 30 ANNI FA. e SI DANNO LA MANO..... IL 12 MAGGIO DOVRETE SPARIRE SPA-RI-RE DALLA FACCIA DELLA TERRA ANDARVI A VERGOGNARE E CHIUDERVI IN CASA SOTTO UN MATTONE. l'ITALIA IL PAESE CON IL PIU' ALTO FATTURATO DI MAGHI FATTUCCHIERE STREGHE E ALTRO. cOSA VI ASPETTAVATE CHE NON AVESSERO CREDUTO A QUESTA SCEMENZA? MA IL 12 MAGGIO DOVETE SPARIRE UNA VOLTA PER TUTTE......

anonimoaquilano lunedì 28 marzo 2011, 11:38

ALLORA CARO 86.....LO VEDI CHE NO SONO IL SOLO A DIRE CHE IL METODO BENDANDI E GIULIANI NO SONO ATTENDIBILI??!?!iO NON SONO NE GEOLOGO NE SCIENZIATO,MA APPASSIONATO DI SCIENZE E NUOVE TECNOLOGIE PER MIGLIORARE LA NOSTRA VITA....BASTA CHE UNO LEGGE PIù RIVISTE SCIENTIFICHE,GUARDA PIù DOCUMENTARI SERI INVECE DI VEDERE LE CAXXATE COME GRANDE FRATELLO AMICI ETC ETC...SE I METODI SULLA PREVISIONE DEI TERREMOTI NON SONO RICONOSCIUTI DALLA COMUNITà SCIENTIFICA UN MOTIVO CI SARà,RINGRAZIO LA PESCARESINA CHE IN UN CERTO QUAL MODO MI HA AIUTATO A DESCRIVERE MEGLIO IL PROBLEMA....HA CITATO DUE SCIENZIATI, CHE SECONDO ME,SONO I MIGLIORI IN ASSOLUTO,E CHE HANNO DIMOSTRATO REALMENTE LE LEORO TEORIE CHE SONO ALLA BASE DI TUTTA LA FISICA....DAI CARO 86 NON FARTI PRENDERE DA QUESTI PREDICATORI COME NOSTRADAMUS....IO SNO AQUILANO AL 100%...TI CAPISCO ,MA PURTROPPO I TERREMOTI AED OGGI NON SI POSSONO PREVEDERE....CIAO

Pescaresina domenica 27 marzo 2011, 17:42

...Allora: premettendo io sono una scienziata, vorrei spiegare perché non crediamo a queste previsioni pseudoscientifiche dai dubbi fondamenti teorici. Nelle scienze solitamente funziona così: quando qualcuno formula una teoria scientifica, deve essere in grado di dimostrare la sua consistenza. Una buona teoria scientifica è quella che ha una corretta formalizzazione matematica ed è in grado di fare previsioni. Una teoria scientifica che non risponde ad entrambi questi requisiti per non NON è una teoria scientifica: se io non dimostro quel che dico, posso dire qualunque cosa!Per di più: se la mia teoria su dieci previsioni che fa ne azzecca una, allora non è attendibile, perché la previsione che si verifica potrebbe essere una casualità, e quelle che non si verificano mostrano che nella teoria c'è qualcosa che non funziona. Se c'è anche solo una previsione su cento che non si verifica, allora la teoria va ripresa e rivista: una teoria corretta vede verificarsi tutte le previsioni che fa. Da secoli nella scienza compaiono personaggi di dubbia competenza, grande presunzione e strane fantasie che credono di aver capito tutto meglio degli scienziati veri, e sparano a zero sulla comunità scientifica perché si ritengono geni incompresi. Quelli che sono davvero geni incompresi sono davvero pochi e, in genere, prima o poi, sono in grado di dimostrare che quanto affermano è vero. La scienza non è come la religione, che si arrocca sulle proprie assurde posizioni sostenendole anche quando sono palesemente sbagliate: siamo aperti a qualunque cosa, anche se distrugge tutto quello che abbiamo fatto finora, ma deve funzionare. La relatività di Einstein ha letteralmente distrutto la meccanica newtoniana (che, in realtà, continua ad essere perfettamente valida in un contesto più ristretto), ma Einstein è stato in grado di dimostrare ciò che sosteneva. E' un peccato che la carenza di cultura scientifica che c'è in Italia provochi un tale livello di creduloneria.

86 venerdì 18 marzo 2011, 21:02

Si crede alle cose solo quando succedono allora gli studiosi sono bravi perchè l' hanno previsto! C'è un grande lavoro dietro tutti questi studi e bisogna solo ammirare chi li fà invece di criticare e criticare. Giuliani aveva previsto il terremoto dell'Aquila e se solo tanta gente avrebbe ascoltato non sarebbe morta alla fine non costa niente passare una notte fuori in confronto alla vita?alla fine come previsto da lui ci siamo fatti mesi e mesi nelle tende e nonostante tutto caro anonimo aquilano la lezione non è bastata a tanta gente come te che ancora ha dubbi

anonimoaquilano martedì 15 marzo 2011, 14:47

sci quatrà Bendandi potea esse anche nu studioso e nisciunu ji lea quello che ha fattu,però su...i tarramuti non se pozzono prevede....pure pe ju Giappò eranu previstu ma scossa,pò a Jennaru hau retiratu j'allarme dopo de che, j'ha ammolatu na petenca che neanche issi s'aspetteanu....l'unica ocsa certa è che co le tecnologie che tenemo è IMPOSSIBILE prevedè ji tarramuti,pò ice che magari nej'arcu de TOT anni pò fa na sleppa,ma ju momento precisu non se pò prevedene.....dai quatrà su......!!!Bella quatrà

Marco Dimitri martedì 15 marzo 2011, 02:59

Bendandi e Giuliani sono studiosi seri, questo non può essere negato, tuttavia bisogna puntualizzare che Bendandi non ha previsto alcun terremoto per il prossimo 11 maggio a Roma, tantomeno quello che erroneamente è stato scritto nell'articolo cioè il terremoto in Haiti.

solocielo martedì 15 marzo 2011, 02:28

Il catalogo delle previsioni dei terremoti di Raffaele Bendandi copre un intervallo di tempo che va dal mese di ottobre del 1914 al mese di aprile del 1977 [Fidani 2004], esso comprende in tutto 143 eventi nella regione mediterranea e 167 nel resto del mondo. http://www.itacomm.net/EQL/absbent1908.p df Come è possibile che abbia previsto un evento del 2011? Non capisco. Potete spiegarmi?

slimer775 giovedì 20 gennaio 2011, 14:16

Credo che ci debba essere piu' apertura mentale verso qualsiasi uomo di scienza che attraverso i propri studi personali e non accademici scopra qualcosa di importante che si discosta dalla ricerca ufficiale. Bendandi è stato un libero ricercatore che ha applicato le sue conoscienze fisiche alla correlazione tra i corpi celesti e la crosta terrestre. Ha scoperto che ci sono dei pianeti con delle masse molte grandi lontani dal nostro sistema solare che hanno dei moti ciclici e determinati che, in determinati allineamenti calcolabili, possono provocare dei terremoti nella terra.Anche se non tutte le sue previsioni si sono avverate credo che i suoi studi dovrebbero essere ripresi e approfonditi... Ricordiamoci che una volta la scienza ufficiale ci diceva che la terra era quadrata e che era al centro dell'universo...ERRARE HUMANO EST!

Iscriviti alla newsletter